Rosso come l’amore

Delizia! Rosso come l’amore è un’app interattiva delicata ed intensa che prende le mosse dal cartaceo scritto e illustrato da Valentina Mai; cartaceo e versione digitale entrambi pubblicati da KiteEdizioni, di cui avevo recensito in questo blog lo scorso ottobre la giuliva app-gioco A ciascuno il suo! di Davide Calì.

interazione per la buonanotte storia sull'amore, Kite edizioni, libro digitale per bambini

Qui c’è un filo teso tra i pali della luce ed una palletta di piume rosso brillante.

L’uccellino, tutto tondo, cammina, salta, vola sul filo per poi riappoggiarsi; il suo volo sembra inquieto, sembra che stia cercando qualcosa, quel qualcosa che ci manca quando ci sentiamo soli. Cerca compagnia, cerca un simile che gli viva accanto, cerca l’amore. Inizia a vederlo ovunque o meglio crede di vederlo ovunque intorno a sè, come capita a volte con l’amore, ci si confonde.

edizioni Kite, editoria digitale, valentina mai, favole per bambini per la buonanotte

Il suo desiderio di trovarlo è tale da fargli credere di intravederlo nel sole nascosto tra le nubi, in un pallone, in una pallina da tennis, in un palloncino. Ma la ricerca è vana, l’uccellino ha perso le speranze. Mentre in lui si fa strada l’amara convinzione del fallimento della sua ricerca, su un banco di verdura e frutta, eccolo lì il suo amore, disperatamente cercato e infine trovato tra le rotonde arance.
tecnologia digitale storie per bambini,libri per bambini, letteratura digitale infanzia album illustrato interattivo sull'amore, blog recensioni storie digitali

 

 

 

 

 

 

Una book app intima, accompagnata da una colonna sonora dolce, uno sviluppo lineare del testo e, nelle tavole, piccole suggestive interazioni. Il tono è poetico, adatto a bambini che forse si chiedono il senso di una parola di cui non sempre riescono a spiegare il significato. Domina una grafica essenziale che non distrae dal tema, prevalgono bianco, nero e naturalmente il rosso fuoco. Un rosso in cui non vedo tanto la passione amorosa travolgente e incauta, vedo il coraggio, la voglia di vivere, la ricerca di un sentimento amoroso e di quella assoluta serenità che dà l’aver trovato il bene più prezioso.
E finisce bene non perché “chi cerca trova” ma perché per trovare bisogna, almeno un po’, imparare a cercare, confondersi senza scoraggiarsi.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *